Budrio esclusa dal bando "sport e periferie"

BUDRIO ESCLUSA DAL BANDO “SPORT E PERIFERIE”
L’annuncio di Mazzanti sul Palazzetto purtroppo si rivela un bluff

Comunicato congiunto dei partiti del centrosinistra di Budrio

È stata pubblicata il 14 settembre la graduatoria dei comuni partecipanti al bando “Sport e periferie 2020”. Budrio è esclusa dalla graduatoria, altri comuni non finanziati per via del riparto nord-sud. Altri ancora, nel nostro territorio, sono stati finanziati con fondi che vanno da 400 a 700mila euro.

Il Comune di Budrio risulta escluso dalla graduatoria per non aver fornito una parte della documentazione tecnica richiesta.

In sostanza, la ristrutturazione da 280mila euro del Palazzetto dello Sport non si farà. O almeno non si farà con risorse dello Stato.

Come in altre occasioni, il sindaco Mazzanti aveva annunciato l’acquisizione di questi fondi, come se il bando fosse già stato vinto, addirittura con un articolo su Il resto del Carlino, dove viene scritto: “Il Comune corre ai ripari con un investimento di 280mila euro finanziato dal bando delle periferie per lo sport”.

Oggi il Comune e tutti i cittadini scoprono la verità: ciò che era stato annunciato non era affatto certo né acquisito, tutt’altro.

Chiediamo quindi al sindaco due cose:

  • perché annunciare soluzioni quando non si ha la certezza degli strumenti e delle risorse?
  • perché agire con queste modalità che creano ulteriore disaffezione verso le istituzioni locali?

 

Budrio Più – Partito Democratico – Articolo Uno – Demos Democrazia solidale – Verdi


Per Budrio solo passi indietro, ma il 2022 è vicino

Per Budrio solo passi indietro, ma il 2022 è vicino

Articolo del gruppo Budrio Più per il notiziario comunale di settembre 2021

ALLE TORRI APRE UN UFFICIO. TUTTO IL RESTO È DEGRADO

Le Torri sono chiuse da mesi e nel 2019 si è fatta scadere la convenzione con chi gestiva gli spazi. Non è mai stato presentato alcun progetto culturale, economico e aggregativo. Da due anni, la sala ottagonale si può affittare – delibera della Giunta – ma chiunque può osservare un luogo in stato di degrado e abbandono.
Eppure per anni l’amministrazione ha sostenuto che fossero aperte (a fine agosto però il sindaco ha cambiato versione). 

Leggiamo su Facebook che apre l’infopoint turistico, anche se lo stato in cui versa l’edificio è molto simile – se non peggiore – a quello che si vede in un nostro video girato nel 2019.
Il sindaco dice che aprono ora “non per incapacità gestionale ma semplicemente perché non erano a norma e con fatica siamo riusciti a renderle agibili”. Lennesima bugia: sono le date e gli atti della sua Giunta che lo smentiscono.

Sul progetto di un infopoint turistico (nel 2021!!!) abbiamo già espresso molte perplessità. 

Sul fatto che il sindaco ogni volta cerchi di girare le informazioni a suo comodo, pure. Così le Torri sono agibili o inagibili a seconda di ciò che conviene. Sicuramente in questo mandato non sono mai state valorizzate, anzi.

Per l’infopoint (da convenzione solo la sala d’ingresso), il Comune di Budrio dà a Pro Loco circa 25.000€ (utenze escluse). Per la gestione delle Torri dell’Acqua (tutto l’edificio), nel 2016 venivano dati 26.000€. 

L’articolo l’abbiamo consegnato il 6 settembre con questa foto

Il 9 settembre almeno hanno avuto la decenza di coprire. Dopo circa 3 anni di utilizzo “simil magazzino”

Dal 13 settembre saranno modificati gli orari di apertura dellURP.

Dallestate 2017 segnaliamo che gli orari voluti da Mazzanti creano disagi e il Comune è chiuso nei giorni in cui in piazza ci sono più persone (sabato mattina e martedì con il mercato): un pessimo segnale di lontananza e disattenzione verso i cittadini.

In luglio siamo tornati sul tema (qui) proponendo di aprire in questi giorni e di prevedere orari di accesso diversificati (perché non tutti possono andare in Comune solo al mattino). Vediamo che almeno su questo secondo punto si sta cercando di lavorare, dopo 4 anni di segnalazioni di tantissimi cittadini. A 8 mesi dal voto…

VERSO L’AUTUNNO, CONTINUA IL NOSTRO IMPEGNO

Come nel 2020, anche durante questa estate non ci siamo persi di vista. Abbiamo promosso la Festa de l’Unità in bocciofila e appuntamenti culturali e di comunità come L’Ora Blu in Arena Sant’Agata. Abbiamo poi realizzato piccoli incontri informali di ascolto e di dialogo diretto con gruppi di cittadini, insieme ad alcune verifiche capillari di cose che non vanno soprattutto nelle frazioni.

Ma non ci fermiamo qui: per l’autunno continueremo a confrontarci con tutti coloro che hanno problemi da porre, idee e proposte per il futuro di Budrio. Dal 2022 potremo finalmente liberare nuove energie e riannodare le reti di comunità.

L’IMPEGNO PER LA TRASVERSALE DI PIANURA

Nelle scorse settimane ANAS ha sistemato il guardrail e tolto il semaforo sullo scolo Acquarolo. FINALMENTE!
Dopo la raccolta firme, continuiamo a impegnarci per la Trasversale: rifacimento dei tre ponti e completamento della strada, da inserire nel nuovo contratto tra ANAS, Governo e Regione. A luglio, insieme al sindaco di Medicina e ai consiglieri regionali del PD e di ER Coraggiosa, abbiamo fatto un sopralluogo per sollecitare l’attenzione sul problema: la Regione si è impegnata a interloquire con il Ministro Giovannini per fare un passo deciso in avanti.

CHIEDIAMO CHIAREZZA SUL VICESINDACO LUCA CAPITANI

Basta fermarsi in piazza per sentire persone porsi questa domanda: è vero che il vicesindaco ha partecipato a un concorso per essere assunto dal suo stesso Comune? Ci sembra strano che questa voce non sia arrivata a Mazzanti e che nessuno abbia pensato di spiegare quale fosse la verità (non erano quelli della trasparenza?!). Guardando i documenti, il vicesindaco avrebbe saputo e votato fin da novembre 2020 gli atti che hanno poi portato a un concorso pubblico nel giugno 2021. Di certo gli altri candidati lo hanno saputo solo a maggio. Probabilmente è tutto lecito dal punto di vista formale, ma sullopportunità ci sarebbe molto da dire. Sarebbe qualcosa di mai visto: un politico che cerca di farsi assumere a tempo indeterminato dal comune che sta amministrando. Incredibile (ma vero?).

Qui la ricostruzione cronologica attraverso gli atti pubblici


Un fact checking sulle parole di Mazzanti a proposito della chiusura dei passaggi a livello e della ferrovia

Un fact checking sulle parole di Mazzanti a proposito della chiusura dei passaggi a livello e della ferrovia

Ogni giorno, chi apre Facebook legge una dichiarazione di Maurizio Mazzanri. Quando parla del Comune di Budrio, ciò che scrive non è mai del tutto vero (usiamo un eufemismo). Non ci sarebbe niente di male, se non fosse che chi scrive è il rappresentante legale del comune.

Questa volta torniamo a un suo grande classico, di cui abbiamo già parlato molte volte. Analizziamo quindi frase per frase ciò che scrive il sindaco (ormai in scadenza) di Budrio.

Partiamo.

Mazzanti: “Tutto comincia nel 2009 quando l’amministrazione di allora firma un accordo con FER e Regione Emilia-Romagna per la chiusura di due passaggi a livello, quello di Via Zenzalino/Primo Maggio e quello di Via del Moro.”

SBAGLIATO. 

Mazzanti, per manipolare l’opinione di chi lo legge, cita solo i passaggi a livello che non sono stati chiusi mentre fa finta di dimenticare che in quello stesso accordo erano previste opere che invece sono state fatte e concluse: la chiusura del PL di via Mauro e l’adeguamento del PL di via Benni. 

Mazzanti: “Il Comune ricevette un milione di euro dalla Regione per fare il ponte su Via del Moro, mentre per il sottopasso di Via Zenzalino/Primo Maggio i costi erano a carico tutti del Comune.”

INGANNEVOLE E OMISSIVO

La realizzazione del sottopasso di via Zenzalino/Primo Maggio, come previsto dall’accordo, era condizionata agli oneri di urbanizzazione del comparto “Romantica”. Ma la crisi edilizia ha allungato i tempi della realizzazione del comparto. Mazzanti lo sa bene perché è stata proprio la sua amministrazione a ridefinire le opere di urbanizzazione da realizzare, oltre a incassare la quota sulle infrastrutture generali. Quindi: è vero che nel 2009 il Comune si impegnò a realizzare il sottopasso, ma solo a fronte del reperimento delle necessarie risorse, perfettamente indicate nell’accordo di programma, che riportiamo in immagine qui sotto.

Mazzanti: “Non solo i lavori non vengono fatti ma il milione ricevuto non venne accantonato e vincolato ma messo a bilancio e speso per altro.”

INUTILI INSINAZIONI

Siamo al solito “metodo Mazzanti” che getta fango per vedere l’effetto che fa. Scrive “il milione viene speso per altro”, sapendo di fare un’insinuazione lasciando intendere “spesi per chissà che cosa“. Il milione venne utilizzato per fare altre opere per la comunità, come già ampiamente documentato. Mazzanti, peraltro, non può rilevare alcuna irregolarità, perché le autorità preposte ai controlli contabili sui comuni non hanno mai mosso osservazioni in merito.

Mazzanti: “Passano dieci anni dove nessuno si preoccupa di quell’accordo” 

FALSO

Questa è una falsità. Il vecchio accordo prevedeva 4 punti, 2 dei quali sono stati realizzati (adeguamento PL via Benni e chiusura PL via Mauro). Sono rimasti irrealizzati 2 punti, ma per precise ragioni: la chiusura del PL di via Zenzalino (come abbiamo visto sopra) era condizionata alla realizzazione del comparto “Romantica”; la chiusura del PL di via del Moro era condizionata dalla realizzazione del comparto C2.11 (vedi foto sotto) i cui attuatori sono però falliti. Inoltre, a dimostrazione del fatto che non è vero che per 10 anni nessuno si sia occupato dell’accordo di programma, va ricordato che nel 2016 il sindaco Pierini sottoscrisse con FER un atto ricognitivo teso a rimodulare i rapporti economici con Fer, proprio alla luce delle novità emerse.

Mazzanti: “il 2 gennaio 2018, primo giorno del mio primo anno completo di mandato, FER e Regione chiedono a me conto di quell’accordo”

RIDICOLO ED EGOCENTRICO

FER scrisse al Comune, non a lui. E il fatto che lui scriva “ a me “ la dice lunga su come Mazzanti intenda il suo ruolo e soprattutto su come per lui chi gli sta intorno non conti, ai suoi occhi nulla. C’è LUI, sempre LUI e solo LUI. 

Mazzanti: “…ricordando che in caso di inadempienza il Comune avrebbe dovuto restituire il milione di euro oltre gli interessi di legge per dieci anni.”

OMISSIVO E FALSO

Anche qui Mazzanti dimostra di voler manipolare l’opinione di chi legge. L’alternativa non era: restituire il milione con interessi, oppure realizzare tutte le opere necessarie per chiudere i due PL (il ponte su via del Moro e il sottopasso di via Zenzalino). La realtà la conosciamo ed è ben diversa. Infatti, FER mise il Comune davanti a questo bivio: chiudere il PL di via del Moro (anche solo con una “sbarra” quindi senza fare il ponte, oppure restituire il milione più interessi. 

Mazzanti: “Per evitare un danno economico insostenibile (a inizio 2018 il Comune era impegolato con i debiti della società patrimoniale Step, oggi tutti pagati, per fortuna aggiungo)”

FALSO

Mazzanti mente e nasconde che Regione e Fer proposero un pagamento rateale e dilazionato del milione di euro in 10 anni. Quindi circa 100.000 euro di rata all’anno, quindi non certo un “danno economico insostenibile” per un Comune che può contare su entrate annuali nell’ordine di 13 milioni.

Mazzanti: “proposi a FER e Regione una modifica a quell’accordo che prevedesse in sostituzione la chiusura di altri tre passaggi a livello e la realizzazione di opere pubbliche compensative invece che la restituzione del milione e interessi.”

Cominciamo con una precisazione: nei primi incontri con FER e Regione, nella primavera 2018, Mazzanti confermò la validità del vecchio accordo di programma e si impegnò a chiudere il passaggio a livello di via del Moro per poi realizzare il ponte. Nei mesi successivi però Mazzanti cambiò rotta; improvvisamente sparì la chiusura del PL di via del Moro e quindi anche la necessità di realizzare il ponte. E così si arriva all’atto ricognitivo di Dicembre 2019: Mazzanti cerca di giustificare la sua scelta, del tutto arbitraria, attraverso il ragionamento “piuttosto che restituire il milione, con quei soldi realizzo opere pubbliche”. Ma il sindaco scarta colpevolmente la soluzione più logica: se non si vuole restituire il milione perché si preferisce fare nuove opere, allora avrebbe potuto semplicemente chiudere il PL di via Moro e fare il sovrappasso, rispettando l’accordo di programma. Questa scelta gli avrebbe permesso di ricevere dalla Regione altri 500.000 euro di finanziamenti, che invece col nuovo accordo sono spariti.

Inoltre, alla luce della realizzazione del comparto di via Albareda, quel ponte sarebbe stato di enorme importanza per il collegamento al comparto stesso: la realizzazione del ponte e la chiusura del passaggio a livello di via del Moro rientravano in un disegno organico e coerente che prevedeva uno sviluppo urbanistico nella zona ad Ovest di Budrio. L’inspiegabile rinuncia alla realizzazione del ponte pose un ostacolo a quell’idea di sviluppo urbanistico. Ma l’idea non è stata accantonata: lo dimostra il fatto che poi l’amministrazione ha siglato un accordo operativo per la realizzazione del comparto di via Albareda, un complesso residenziale che si posiziona al margine nord di quel progetto e lì sarebbe dovuta arrivare la strada di scorrimento proveniente dal ponte su via Moro e dal comparto adiacente, cioè l’ex comparto C2.11.

Proprio riguardo al comparto C2.11 è bene ricordare alcune cose: nel 2010 il Comune siglò un accordo di attuazione con una s.r.l., poi fallita nel 2013. L’accordo prevedeva, a fronte di una capacità edificatoria di 11.000 mq, la realizzazione di opere di urbanizzazione per circa 4 milioni di euro (ponte di superamento del passaggio a livello di via del Moro, ciclabile di collegamento tra stazione e Vigorso, due rotonde e la nuova strada di raccordo tra il comparto e via Rabuina. Nel Giugno 2018 i terreni del comparto furono messi all’asta fallimentare ad un prezzo risibile. Ora il comparto si è magicamente sgravato delle opere di cui un eventuale acquirente si dovrebbe far carico.

RISULTATO
Grazie ai 6 milioni di euro del Bando Periferie sono state finanziate le rotonde in zona stazione, un primo tratto della ciclabile per Vigorso e la parte di viabilità invia Edera. Poi Mazzanti ha voluto modificare l’accordo con FER, eliminando la realizzazione del ponte e prevedendo, a carico del Comune, il completamento della ciclabile per Vigorso.

Ultima cosa: Mazzanti avrebbe potuto accettare la proposta della Regione di restituire il milione a rate in dieci anni, invece si è impegnato a realizzare opere per 1,5 milioni. Ma come viene finanziato quel milione e mezzo di opere ? Intanto, utilizzerà 400mila euro di opere già fatte e pagate dall’amministrazione precedente (presumibilmente utilizzando proprio parte del famoso Milione-di-euro), vale a dire l’area di parcheggio della stazione di Mezzolara. La copertura della parte rimanente (1,1 milioni) è prevista in gran parte attraverso cessione di patrimonio comunale. Questo ci dice che Mazzanti, per pagare quel milione, molto semplicemente andrà a compensare la passività verso Fer con attività che erano già nel bilancio comunale prima ancora che lui diventasse sindaco.

Mazzanti: “A novembre 2019 in scadenza del mandato della Giunta regionale e con il rischio di dover rimettere tutto in discussione con la Giunta successiva si portò nei relativi organi (consiglio comunale e giunta regionale) l’atto ricognitivo di modifica dell’accordo con un programma dei lavori provvisorio da puntualizzare successivamente. L’atto fu portato nell’ultima seduta di Giunta regionale prima della decadenza e a fine dicembre 2019 in consiglio comunale. (…) Bisognava chiudere prima della decadenza della amministrazione regionale un nuovo accordo andando poi a definire successivamente i dettagli degli interventi. E così è stato fatto.”

FALSO

Ribadiamo cose già dette e scritte e ce ne scusiamo con chi le ha già lette. Già su Facebook il sindaco scrisse “la Regione su proposta di Donini ha votato la delibera il 18 novembre, nell’ultima giunta della legislatura”. Era una falsità, perché la Giunta regionale andò avanti a deliberare regolarmente fino al 19 Dicembre. Ma almeno stavolta Mazzanti dovrebbe aver finalmente capito che se non avesse modificato l’accordo di programma nel Dicembre 2019 avrebbe poi potuto farlo con la Giunta regionale successiva.


Alle Torri dell'Acqua apre un ufficio. Tutto il resto è degrado

Alle Torri dell'Acqua apre un ufficio. Tutto il resto è degrado

Era ottobre 2019 quando abbiamo girato questo video.
Torri dell’Acqua chiuse da mesi, per lavori sì, ma poi si è fatta scadere la convenzione con chi gestiva gli spazi e non è mai stato presentato/proposto nessun progetto culturale, economico e aggregativo. Di fatto le Torri si possono affittare – da delibera della Giunta – da due anni ma chi ci passa davanti ha la percezione di un luogo in abbandono.

Eppure sono anni che l’amministrazione sostiene che le Torri dell’Acqua siano aperte.
Abbiamo appreso da un post del sindaco che aprirà lì l’infopoint a inizio settembre. Lo stato in cui versa l’edificio è molto simile – se non peggiore – a quello che vedete nel video del 2019, anno in cui per l’amministrazione le Torri erano già aperte e disponibili al pubblico, tanto da farci un convegno.
Ora il sindaco dice che aprono ora “non per incapacità gestionale ma semplicemente perché non erano a norma e con fatica siamo riusciti a renderle agibili“.
Le date e gli atti lo smentiscono (ad esempio questo)
L’altra cosa che non è stata molto detta è che l’infopoint  turistico verrà gestito da Pro Loco. Per questo progetto il Comune darà circa 25.000€ che si aggiungono ai 5.000€ stanziati a luglio per avere una vetrina in Piazza Maggiore a Bologna.
In questi anni abbiamo detto che non siamo contrari al tema del turismo (tanto da aver votato più delibere in tal senso, pur dall’opposizione), ma allo stesso tempo, a Budrio, non abbiamo visto azioni innovative in tal senso, ne abbiamo sentito solo parlare. Così come non è la cifra in sé a spaventarci, anche se in questi anni l’amministrazione ha fatto penare associazioni e consulte frazionali che chiedevano anche solo 200€ per sistemare il trattorino per tagliare l’erba.
Il tema, su Budrio, è più che altro l’assenza di un ragionamento sul target e di un vero sostegno a un contesto di ricettività: ci rivolgiamo a un turismo giornaliero? arriva da vicino o lontano? viene per i luoghi di cultura, per il paesaggio o entrambi? Gli operatori del territorio sono stati coinvolti in modo strutturale nel ragionamento? Davvero nel 2021 il turismo parte da una struttura fisica aperta solo alla mattina?
Ma soprattutto ci sembra che si parta dalla fine: si fa una “vetrina” in centro a Bologna e alle Torri dell’Acqua senza aver investito in questi anni nel miglioramento del sistema museale, per esempio, pensando a un ampliamento degli spazi o eliminando barriere architettoniche. Se di turismo culturale stiamo parlando. La risposta data dall’amministrazione è che Budrio è un bel paese. Siamo d’accordo, ma non è una risposta.

convenzione Comune di Budrio Pro Loco per infopoint turistico

Sul progetto abbiamo già espresso le perplessità.
Sul fatto che il sindaco ogni volta cerchi di girare le informazioni a suo comodo, pure. Così le Torri sono agibili o inagibili a seconda di ciò che conviene. Sicuro non sono state valorizzate.


L'ora Blu 2021

L'ora Blu 2021

L’ora blu è una rassegna estiva che offriamo alla comunità, in anni di desertificazione culturale, chiusure di spazi e azzeramento di progetti.

L’ora blu arriva all’imbrunire: non è ancora notte e il cielo si colora di un turchese luminoso. In quel momento magico dopo il tramonto, parole, suoni e gesti danzati riempiranno l’arena Sant’Agata, nel cuore del centro storico.

Dopo il successo dell’edizione 2020 e la bellissima serata di luglio dedicata a Dante Alighieri, ripartiamo dal coraggio di essere Budrio e guardiamo con fiducia alla ripresa autunnale.

DOVE

Budrio, Arena Sant’Agata
Accesso da via Garibaldi, di fronte alla Biblioteca
Tutti gli eventi iniziano alle ore 21:00

Ingresso con certificazione verde Covid-19 (green pass).
È possibile prenotare i posti a sedere, al numero 353 4056402 o alla e-mail info@budriopiu.it

PROGRAMMA

Lunedì 6 settembre ore 21
Una nuova Budrio nella Città metropolitana di Bologna
Debora Badiali dialoga con Matteo Lepore, candidato sindaco di Bologna

Martedì 7 settembre ore 21
Presentazione del romanzo “I silenzi di Medea” di Antonella Cosentino (ed. Project)
Dialoga con l’autrice Marilisa Mainardi della libreria La Terza Stanza

Giovedì 9 settembre ore 21
Budrio Jazz con Piero Odorici trio “featuring Anthony Pinciotti”
contributo 7€

Sabato 11 settembre ore 21
Da New York a Budrio
Spettacolo liberamente ispirato alle parole, alla vita, all’arte di Carla Fracci
A cura di Studio del movimento Danza
contributo 5€

Un ringraziamento speciale a Padre Antonio e alla Parrocchia di San Lorenzo

Scarica il programmaGuarda le foto

L’INGRESSO ALLE SERATE È CONSENTITO CON CERTIFICAZIONE VERDE COVID-19 (GREEN PASS)
Le certificazioni verdi COVID-19 sono di tre tipologie ed attestano una delle seguenti condizioni:
1) avvenuta vaccinazione anti-SARS-CoV-2, al termine del prescritto ciclo;
2) avvenuta guarigione da COVID-19, con contestuale cessazione dell’isolamento prescritto in seguito ad infezione da SARS-CoV-2, disposta in ottemperanza ai criteri stabiliti con le circolari del Ministero della salute;
3) effettuazione di test antigenico rapido o molecolare con esito negativo al virus SARS-CoV-2 (Tampone) effettuato al massimo entro le 48 ore precedenti.
La certificazione verde COVID-19, è rilasciata anche dopo la somministrazione della prima dose di vaccino, ma è VALIDA DAL QUINDICESIMO GIORNO SUCCESSIVO ALLA SOMMINISTRAZIONE DELLA PRIMA DOSE fino alla data prevista per la seconda dose.
Le certificazioni verdi COVID-19, non si applicano ai soggetti esclusi per età dalla campagna vaccinale (minori di 12 anni) e ai soggetti esenti sulla base di idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con circolare del Ministero della salute.


25 luglio 1943: Mussolini viene arrestato

25 luglio 1943: Mussolini viene arrestato

In ricordo della pastasciutta offerta dalla famiglia Cervi per festeggiare la caduta del fascismo nasce la “pasta asciutta antifascista”, per affermare i valori fondanti del nostro Paese: libertà, pace, fratellanza, democrazia.

Leggere di più


Sulle Torri un'altro buco nell'acqua. Con tanto di bufala raccontata ai cittadini.

Sulle Torri un'altro buco nell'acqua. Con tanto di bufala raccontata ai cittadini.

Nel notiziario comunale di giugno, il gruppo di maggioranza ha scritto che sarebbe partito un progetto per l’utilizzo delle Torri dell’Acqua grazie a un bando ANCI vinto.
Abbiamo visto che oggi  – 23 luglio – è uscita la graduatoria del bando “Fermenti in Comune” di ANCI: Budrio risulta al 66esimo posto. I progetti finanziati sono i primi 18.
Il capogruppo di maggioranza per giustificarsi scrive che è stato un errore di comunicazione.
NO! Scrivere a giugno da amministratori in un notiziario che va nelle case della gente che si è vinto un bando la cui graduatoria esce a fine luglio è una notizia falsa, poi magari nasce da un errore dettato dall’incompetenza e dalla smania di propagandare cose che non hanno consistenza progettuale né concretezza. Ma l’esito finale è una notizia falsa ai cittadini.


Riaprire subito l'URP del Comune facendo attenzione ai bisogni dei cittadini

Riaprire subito l'URP del Comune facendo attenzione ai bisogni dei cittadini

Questi sono gli orari dell’URP del Comune di Budrio:

E questi, per esempio, sono gli orari dell’URP del Comune di Molinella:

Niente da dire sull’emergenza Covid, che però non può essere la foglia di fico dietro cui l’amministrazione nasconde errori, disattenzioni, inefficienze.

Chiediamo che gli orari dell’URP cambino.

Non è possibile né giusto che le giornate siano solo tre e soprattutto che gli orari siano identici.

In modo arrogante la politica ha scelto di chiudere il Comune al sabato mattina: la nostra piazza è ancora più vuota e il portone del palazzo tristemente chiuso. Non si è nemmeno capito che ai cittadini si dovevano dare delle alternative praticabili. Soprattutto per chi fa lavori normali a orari normali, magari fuori Budrio, l’orario attuale dell’URP (senza pomeriggi e senza il sabato) sembra una presa in giro, inaccettabile perché arriva proprio dall’ente che più di tutti dovrebbe essere vicino ai cittadini.

Chiediamo quindi che l’URP – almeno un giorno a settimana – possa aprire prima al mattino, con un’apertura anche al pomeriggio.

Tutto questo nella consapevolezza che nel 2022 – quando Budrio tornerà ad avere un’Amministrazione normale – il Comune dovrà aprire al sabato, a partire dagli uffici del sindaco e degli assessori che dovranno essere a disposizione di cittadini, associazioni e imprese, nella giornata in cui le persone hanno più tempo libero, com’è sempre stato.


Modifiche treni linea Bologna Portomaggiore dal 5 luglio

Modifiche treni linea Bologna Portomaggiore dal 5 luglio

Da lunedì 5 luglio, per quanto riguarda la linea Bologna-Portomaggiore, alcuni treni saranno cancellati e solo in alcuni casi sostituiti dai bus. Qui la tabella

Condividiamo qui il comunicato stampa di CRUFER che denuncia, tra l’altro, un comportamento poco rispettoso verso i pendolari.

Treni e orari dal 5 luglio 2021

L'ora blu con un appuntamento su Dante

Torna "L'ora blu" con un appuntamento su Dante

Dopo la bella esperienza della scorsa estate, torna l’ora blu con un appuntamento che si preannuncia molto interessante.

In occasione dei 700 anni dalla morte di Dante, Giovedì 8 luglio ore 21:00 ci vediamo in  Arena Sant’Agata, Budrio (l’accesso è da via Garibaldi)

Purgatorio, fra poesia e immagine
A cura di Antonella Cosentino, Filippo Lanzi, Lorenza Servetti
L’ingresso gratuito

Per prenotazioni posti: 353 4056402 (anche via WhatsApp)

Oppure mail a: info@budriopiu.i

SINOSSI

La natura del Purgatorio fra poesia e immagine
Perché il Purgatorio più dell’Inferno o del Paradiso?

Perché è un regno “nuovo”, anche per la cristianità, per la cui configurazione Dante non ha avuto nessuno a cui ispirarsi, come ha fatto invece per l’Inferno e il Paradiso e che pertanto si è trovato a costruire attingendo alla sua immaginazione senza fine, ma soprattutto alla sua “umanità”.
Perché nel Purgatorio Dante incontra i suoi amici, si attarda a parlare con loro, espone le sue teorie poetiche, prende posizione contro il malcostume politico degli italiani, contesta l’arrogante radicalismo della Chiesa, inchioda gli uomini alle proprie responsabilità, fa appello al loro libero arbitrio.
Perché il Purgatorio è uno spazio tra terra e cielo, in cui vengono mirabilmente fuse le caratteristiche degli altri due regni, a cominciare dal paesaggio in cui si mescolano l’espressionismo infernale e la sublimità degli spazi celesti con una natura meravigliosamente umana, terrena, rassicurante, fatta di albe e tramonti, di cieli limpidi e di fiori variopinti.
Perché nel Purgatorio Dante è un “viator” come tutte le altre anime, che ha capito che bisogna accettare con umiltà l’idea che la ragione umana non possa arrivare a comprendere tutto.
Dante è “l’inventore” del Purgatorio e di una iconografia che ripercorreremo attraverso le splendide immagini dei primi illustratori della Divina Commedia.