Iniziato il ciclo "Crescere... di questi tempi". 17 dicembre il secondo appuntamento

Sabato 3 dicembre è incominciato il ciclo di incontri dedicato a genitori di bambin* tra i 3 e i 5 anni, promosso dal Comune di Budrio, DeMonariLab e Coop. Cadiai.

Sono tre incontri rivolti a tutti quei genitori con bambini e bambine dai 3 ai 5 anni che si trovano in una condizione di vita che può richiedere un cambiamento negli stili di comportamento e nelle abitudini quotidiane per la cura e per l’educazione dei figli. L'obiettivo è "guardare alla vita con sguardo benevolo e attento, per poter affrontare un nuovo e a volte sorprendente quotidiano, nutrito dall’incontro con l’Altro".

Gli incontri, attraverso racconti e narrazioni, simulazioni, giochi e condivisioni, diventano una vera e propria "palestra delle emozioni" in cui ognuno porterà la sua esperienza come contributo. Cinzia De Angelis, psicologa e psicoterapeuta, accompagnerà e sosterrà i protagonisti in questa "esplorazione". Serve quindi una certa motivazione per partecipare e mettersi in gioco.

Dopo il primo avvenuto sabato 3 dicembre sulle competenze genitoriali "tra il dire e il fare", ecco il programma degli due incontri:

Zitti e buoni: le comunicazioni che definiscono e vincolano
sabato 17 dicembre dalle 16,30 alle 18,30
presso il Centro Polifunzionale Bambù Blu, Via Croce 9, Vedrana di Budrio

Spazi di crescita: ora possiamo!
Sabato 14 gennaio dalle 10,00 alle 12,00
presso il nido Aquiloni, Via Dante Mezzetti 10, Budrio

La presenza di animatrici garantirà la gestione dei bambini e delle bambine durante gli incontri (questa necessità andrà dichiarata al momento della compilazione della richiesta di partecipazione).

Si prevede la partecipazione di massimo 18 persone a laboratorio ed è quindi richiesta l’iscrizione. Si può partecipare ad un singolo laboratorio o all’intero ciclo.

Clicca qui per l’iscrizione e la compilazione del modulo

Per ulteriori informazioni è possibile scrivere una mail a:

sara.brunetti@comune.budrio.bo.it
cinzia.depietri@comune.budrio.bo.it
o telefonare ai numeri: 051 6928 308/287

Tre fondi per il sostegno alle persone in questo momento difficile per i bilanci familiari

18 novembre 2022

Importanti opportunità per accedere a contributi economici in tre diversi ambiti della vita famigliare che riguarda molti cittadini del nostro territorio:

Il primo è un contributo economico, una tantum, a sostegno delle famiglie che hanno un anziano non autosufficiente inserito nella graduatoria unica del Distretto Pianura Est per l’accesso alle Case Residenza Anziani (CRA) e collocato in una struttura residenziale accreditata/autorizzata al funzionamento. Scade il 23 dicembre 2022.

Anche il secondo è un contributo economico una tantum, in questo caso a sostegno delle famiglie che hanno attivato autonomamente un percorso assistenziale con Assistente Familiare a sostegno di persone anziane o disabili adulte. Scade il 23 dicembre 2022.

I terzo riguarda l'assegnazione di contributi per la copertura (parziale o totale) delle spese sostenute nel corso dell'anno 2022 per il pagamento delle utenze domestiche di gas, riscaldamento, energia elettrica, acqua. L'accesso alla graduatoria è previsto sotto un certo livello di Isee e il contributo non è cumulabile con altri contributi ricevuti dai Servizi Sociali Territoriali per il pagamento delle stesse. L'importo può arrivare a un massimo di € 1.200. Scade il 30 dicembre 2022.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]


A Brera (Milano) la mostra di Lidia Bagnoli "Scorie del tempo"

Inizia oggi 26 ottobre 2022 - e si conclude il 29 gennaio 2023 - la mostra antologica di opere su carta di Lidia Bagnoli presso la biblioteca dell'Accademia di Belle Arti di Brera, in Milano.

Lidia Bagnoli ha insegnato a Brera per oltre venti anni e abita tra Boston e la nostra campagna, più precisamente a Dugliolo dove, da un antico oratorio, ha ricavato il suo studio artistico, un luogo suggestivo e unico per le nostre terre.

Oltre alle numerosissime mostre personali e collettive, ha messo a disposizione il suo alto profilo artistico nella collaborazione con diverse realtà del nostro territorio, come il Carnevale di Vedrana, la Fiera della Cipolla e la Giornata contro la violenza sulle donne.

 

All'apertura della mostra ha partecipato anche la Sindaca Debora Badiali. L'antologia è intitolata Scorie del tempo e riportiamo qui alcuni brani della sua presentazione, curata da Lorella Giudici:

 

non c’è distanza tra il millennio e l’istante (E. Montale)

[...] una vertigine che trasforma le facciate dei palazzi veneziani o genovesi in muri invalicabili, gli antichi velieri in relitti scheletrici, gli alberi secchi come radici in desolati crocifissi e le vestigia di archeologia industriale in spettrali città dantesche.

Lidia Bagnoli ha immortalato le sue Scorie dopo averle raccolte lungo le strade della vita, le ha chiuse dentro paesaggi carichi di ombre, di macerie, di plumbei silenzi.

[...] un dialogo serrato tra simboli e materia, tra dentro e fuori, tra certezze e speranze, alla continua ricerca di significati, di risposte, di segreti.

Sono carte, queste di Lidia, che hanno la “pelle” graffiata dalla punta della matita, hanno i colori impolverati dalla fuliggine del carbone e lo spazio trafitto da bagliori temporaleschi.

Sono visioni che [...] portano in filigrana, impressa nella loro essenziale monumentalità, la dimestichezza con lo spazio scenico, arte in cui Lidia Bagnoli per tanti anni ha sperimentato la propria espressività.

Nonostante le tinte cupe e pensose, i crolli, le nere scorticazioni e gli accenti di ruggine, qua e là affiorano scritte e segni di speranza e di salvezza [...] Monumenti e luoghi iconici, reperti antichi e ricchi di storia restano immobili, arroccati in un dignitoso e distaccato silenzio. Vestigia ormai anacronistiche, private quasi del tutto del loro originario valore politico e etico, ma pur sempre riconoscibili e spendibili in un ideale ed estremo messaggio di riscatto.

 


Ecco i nuovi campi da padel. Il tennis club si rafforza ancora.

«Esattamente 11 anni fa inauguravamo il circolo. Oggi siamo ancora qua a crederci e ad aggiungere qualcosa all'offerta. Voglio ringraziare i miei genitori che mi hanno sempre sostenuto. Nel farlo sono molto emozionato, ma si è commosso anche Roger Federer, quindi mi è concesso.»

Così Roberto Dalla Valle all'inaugurazione dei nuovi e bellissimi campi da padel all'interno del Tennis Club di Budrio, in via Zenzalino Nord in zona Bocciofila, che si è tenuta sabato 8 ottobre 2022. Il padel arriva a coronamento di 18 anni di impegno di Roby nell'ambito del tennis a Budrio.

Era il 2004 quando prese in gestione i due storici campi al Piazzale della gioventù, rimettendoli in sesto per quanto possibile. Da lì in poi tanto lavoro, tanto impegno e l'apertura nel 2011 del nuovo club, grazie all'impegno amministrativo ed economico del Comune e dell'allora Provincia di Bologna, insieme a un sempre maggiore investimento da parte della famiglia Dalla Valle che ha portato poi a un ulteriore campo da tennis, ai campi da beach tennis e oggi ai nuovi campi da padel.

All'inaugurazione è intervenuta anche la sindaca Badiali che ha così fatto il suo primo "taglio del nastro" del mandato:

«Si realizza un sogno che è però il risultato di un lavoro lungo anni di Roberto e di tutta la sua famiglia. La vostra professionalità ha permesso di realizzare tutto questo e di avere tante persone che vi seguono e premiano il vostro impegno, dai bambini e le famiglie che vengono qui in estate ai tanti sportivi che frequentano il club settimana dopo settimana. Vedere che ci sono persone che non si siedono ma lanciano sempre nuove sfide, è un'iniezione di fiducia e un esempio per tutti.»

 


Una stagione tutta nuova. Si torna al Consorziale, a 350 anni dalla sua fondazione

È online il nuovo sito del Teatro Consorziale. Possiamo finalmente vedere qui tutti gli spettacoli della stagione, con tutte le info su biglietti e abbonamenti.

«Una stagione di rinascita e ripartenza»
si legge nel comunicato del Teatro, con gli uffici comunali che hanno lavorato in estate, da zero, senza un progetto di gestione del teatro e facendosi carico direttamente della riorganizzazione e di tutti gli aspetti per far ripartire il teatro.

Anche se – per forza di cose – in ritardo rispetto agli altri importanti teatri bolognesi, è stata realizzata una campagna di comunicazione  e di affissioni diversa dal solito, che posiziona il teatro, la sua storia e la sua offerta partendo da tre parole forti: Altro? Oltre… Ultra! Qui potete ripercorrerla, per immagini.

Inoltre, sono state individuate collaborazioni e proposte artistiche per un programma «ricco e complesso che va da ottobre ad aprile del prossimo anno». In particolare, si tratta delle partnership con il Teatro EuropAuditorium e il Teatro Celebrazioni per la prosa, il Teatro Comunale di Bologna e l’Orchestra Senzaspine per la musica, la Baracca Teatro Testoni e il Teatrino dell’Es per il programma giovani e famiglie.

Insomma: autorevolezza, qualità, varietà della proposta e radicamento sul territorio. In più, uno sguardo finalmente metropolitano per l’offerta culturale di punta del Comune di Budrio. Una svolta che si attendeva da tempo.

Ci saranno l’opera, l’operetta e il concerto di Capodanno. E anche grandi personalità nazionali dello spettacolo e del teatro, insieme alla bella tradizione del dialettale a Natale.

Torna il Consorziale e si torna al Consorziale, proprio mentre in queste settimane ricorrono i 350 della sua fondazione.


La festa di tutti

La festa di tutti

Dal 15 al 25 luglio torna la Festa Unità di Budrio in Bocciofila!Leggere di più


“Il cielo a Budrio era rosso” - il diario di Dario Nobili

“Il cielo a Budrio era rosso”

Il ragazzino che contava le bombe. 1941-1945

“Estate 1942. La Nita (Mazza) pensa di portarmi a Budrio con lei. Vado perciò in campagna dove in compagnia del garzone dei Mazza, che si chiama Menotti, mi esercito al lavoro dei campi e mi diverto nell’andare a cercare i nidi, i ranocchi, e i pesciolini.”

Cosi inizia la vita da sfollato a Budrio di Dario Nobili, bambino undicenne bolognese che racconta in un diario la sua vita degli anni di guerra e che documenta dal 1941 al 1945 il tempo  di un ragazzo che è anche il tempo di un evento che sconvolgerà il mondo.

Nel mezzo c’è la vita di un bambino che diventa adolescente e che annota nel suo diario segreto i giorni di passeggiate e scoperte nella campagna, ma anche i bombardamenti, le morti, gli orrori: il tutto mescolato insieme, la quotidianità e il terrore.

Fino alla fine della guerra Dario annota scrupolosamente gli eventi drammatici che vive, in particolare i bombardamenti, le morti dei suoi famigliari sotto le bombe, ma anche i momenti di “normalità” come quando va a Budrio a comprare il pane, o incrocia l’osteria di “Piren”.

“Autunno e inverno 1943-1944. Eccetto i monti, a Budrio non manca nulla. Campi verdi e fertili a perdita d’occhio. Proprio dinnanzi le nostre finestre scorre il fiume Idice. (…) Siamo sufficientemente vicini alla stazione e al paese che abbiamo i mezzi per eventualmente recarci in città” Faccio qui di sotto uno schizzo della casa che abitiamo e che il babbo ha scherzosamente denominato “Villa Pedagna”.

Da questo “osservatorio” Dario racconta la vita a Budrio, tra quotidianità e terrore, annota scrupolosamente tutti i bombardamenti cui assiste (gli aerei che arrivano da est, da sud, da ovest)  e i tragici episodi dell’occupazione tedesca a Budrio.

“10/6/1944. Ritornando stamattina da Budrio, mentre passavo da una stradetta di campagna, una pallottola di fucile è passata due metri circa davanti a me. (…) Nemici personali non ne posso avere, a tredici anni. Tutto bene”

“25/6/1944. Stanotte i tedeschi ubriachi hanno fatto irruzione in casa nostra, e dopo aver cercato di tirare giù gli usci, se ne sono andati”

“30/6/1944”. La stazione di Budrio è stata mitragliata alle ore 15,15. Tutto bene”

“1/7/1944. Oggi, alle ore 12, è avvenuto il primo bombardamento di Budrio. Le bombe, sebbene fossero abbastanza grosse, si interravano e facevano poco rumore. Ne è cadute una trentina.”

“2/7/1944. Secondo bombardamento di Budrio. La zona di Cento, a tre o quattro chilometri da noi è stata  bombardata e mitragliata alle ore otto”.

“5/7/1944. Stamattina Budrio e il treno che veniva da Bologna sono stati mitragliati alle ore sette. Alle 8 è avvenuto il terzo bombardamento. Dodici morti e sessanta feriti”

“20/7/1944” Quarto bombardamento di Budrio. Fortissimo. Alle 0 e 50 siamo stati svegliati dalle prime bombe. Ci siamo vestiti mentre scappavamo e siamo usciti. Il cielo era rosso a causa dei razzi illuminanti come per un gigantesco incendio. Molti razzi illuminavano il ponte e tutta la zona di Budrio tanto che ci si vedeva come di giorno. Siamo scesi in rifugio insieme alla zia Rina che ha trovato nella paura la forza di scappare. Mentre gli aeroplani ci sorvolavano hanno cominciato a sganciare grosse bombe sopra i capannoni. Tanto le detonazioni che lo spostamento erano fortissimi sebbene fossimo in rifugio, tanto che il babbo e la signora Ardea, che ha sentito tutti i bombardamenti di Bologna, ha detto di non averne mai sentiti di cosi forti. Ho trovato delle schegge e un razzo illuminante a trenta metri da noi. Tutto bene”

Dario resta a Budrio fino agli inizi del 1945, poi con la sua famiglia torna a Bologna, che non è meno sicura di Budrio e attenderà li la liberazione. Il 25 aprile 1945 scriverà sul diario:

“Germania Kaputt! Dopo sessantanove mesi di lotta la Germania hitleriana è finalmente crollata”

Queste sono solo alcune delle notizie che Dario Nobili annota nel corso degli anni di guerra.
Il suo diario, “Diario di guerra. 1940-1945”, conservato e riscoperto grazie ai  suoi famigliari, è stato di recente pubblicato da Pendragon, a cura di Mirco Dondi, nella collana dell’Istituto Storico Parri di Bologna. Un documento straordinario che ci consente oggi di approfondire in modo inedito un periodo drammatico della nostra storia.


Apriti Budrio

Apriti Budrio

Articolo del gruppo Budrio Più per l'ultimo notiziario comunale di questo mandato amministrativo, in distribuzione per marzo e aprile 2022.Leggere di più


Debora Badiali si candida: "Apriti Budrio"

Debora Badiali si candida: "Apriti Budrio"

Dopo 10 anni di impegno in Consiglio comunale, la nostra capogruppo Debora Badiali si candida a sindaca con il sostegno di un campo largo di forze. 

Leggere di più


Non ci sarà un secondo medico di famiglia a Mezzolara

Non ci sarà un secondo medico di famiglia a Mezzolara

La scelta dell’azienda sanitaria dimostra l'assenza della politica.
Mezzolara merita più attenzione e, soprattutto, soluzioni concrete

Leggere di più