• Budrio Più

Il nostro articolo sul notiziario tra l’aumento delle tasse e i problemi nelle frazioni

Ecco l'articolo a cura del gruppo consigliare Budrio Più pubblicato sul notiziario comunale di settembre 2019


PIÙ TASSE PER I CITTADINI E PIÙ SPESE DEL COMUNE: MA PER FARE COSA?


La salvaguardia di bilancio 2019 di fine luglio offre interessanti spunti di riflessione.

Partiamo dall'aumento della pressione fiscale.

La pressione tributaria pro capite (neonati compresi) raggiunge i 508 euro, calcolando l'addizionale Irpef sull'effettivo riscosso. Altrimenti il dato salirebbe a 526 euro. Ci teniamo a ricordare che fino al 2016 la pressione tributaria era di 421 euro pro capite.

L'amministrazione Mazzanti ha aumentato la pressione tributaria di un qualcosa che sta tra gli 87 e i 105€ a persona su base annua.

Mentre la pressione tributaria sale a livelli mai visti prima, da mesi il sindaco usa gli accantonamenti per la liquidazione della Step come scusa per tutto.

Dice di razionalizzare le spese, di rinunciare a qualche taglio di erba e di chiudere qualche buca in meno. Falso!

Basta prendere le somme impegnate nei vari capitoli di spesa per vedere come l'amministrazione Mazzanti - nonostante l'accantonamento Step - nel 2019 ha già impegnato spese per 430.000€ in più rispetto al rendiconto 2017.

Questo accade perché rispetto al 2017 oggi il Comune di Budrio incasserà circa un milione in più di tasse e, tolto l'accantonamento Step, restano "magicamente" 400.000€ in più da spendere.

Risulta evidente che il Sindaco non ha mosso un dito per ridurre le spese e per garantire il livello di servizi a cui siamo abituati. In realtà sta spendendo di più, facendo meno: ricordiamo che il Teatro chiuso, la chiusura degli uffici al sabato e l'eliminazione del Prontobus sono servizi in meno, che vengono tolti dai costi previsti in bilancio.


Clicca qui per l'approfondimento completo sul bilancio.


BUDRIO È LE SUE FRAZIONI. MA QUALI SONO I PROGETTI?


“Fateci sapere quali sono i progetti che avete per le frazioni per evitare di continuare a segnalare cose e sentirci dire che non ci sono soldi”.

È questa, in sintesi, la richiesta che i presidenti delle consulte frazionali hanno fatto al sindaco durante l’audizione di luglio. Ci uniamo alla loro sollecitazione.


Il tetto della Scuola di Mezzolara

Per il secondo anno consecutivo, il Sindaco è costretto a rimandare il cantiere per l’innalzamento della sicurezza sismica del tetto della scuola di Mezzolara.

Ritardi nelle procedure e nell’acquisto dei materiali, dice.

Insipienza, disattenzione, assenza di programmazione e di priorità: l’ennesima dimostrazione. 


I camion a Maddalena

Il Comune di Minerbio e lo Zuccherificio (CoproB) hanno fatto ricorso contro l’ordinanza voluta da Mazzanti per la limitazione dei mezzi pesanti nella frazione di Maddalena.

Mazzanti si è mosso all’ultimo momento, quindi in grave ritardo, adottando la stessa soluzione che nel 2016 adottò la tanto vituperata amministrazione precedente.

Ciò dimostra due cose:

- Mazzanti ammette di aver sottostimato il problema in questi due anni;

- ammette poi che è stato un errore l’aver annullato lo scorso anno la vecchia ordinanza (che diceva le stesse cose della nuova), senza aver ipotizzato altre soluzioni.

Il risultato di questa operazione è che, non essendosi relazionato con i cittadini e con gli altri enti, ora Budrio subisce un ricorso e una richiesta di danni.


Aggiornamento: a inizio settembre il TAR si è pronunciato (qui e qui) e ha sospeso l'ordinanza del Comune di Budrio, come purtroppo avevamo previsto.


«L’ordinanza di Mazzanti è arrivata all’ultimo momento utile e senza accordi con lo zuccherificio e i comuni vicini, come invece fece Budrio nel 2016 - ha commentato la capogruppo Debora Badiali al Resto del Carlino - A questo aggiungiamo che l'ordinanza è stata emessa senza che poi vi sia stato un concreto e assiduo presidio della PM per verificarne il rispetto. Purtroppo si è verificato quello che temevamo e che avevamo denunciato: il rischio concreto di perdere il ricorso (e di vedere annullata l’ordinanza oltre alle spese da sostenere per questo iter legale). Chi ne fa le spese sono i cittadini di Maddalena che si svegliano quotidianamente prima dell’alba per il rumore del camion e che, per molti mesi tutti gli anni, non possono vivere in sicurezza nella loro frazione.»

Su Prunaro e la vicenda Ecowater abbiamo scritto un lungo approfondimento.


A Vedrana, la situazione del campo sportivo è purtroppo rimasta uguale (anzi, peggiorata) a quella che vi avevamo raccontato qui in primavera.


Per queste e per le altre frazioni, non è stato presentato, dopo due anni, nessun progetto.


Nessuno ne sa nulla, ma in autunno aprirà la nuova scuola materna del capoluogo.

I soldi e il progetto sono “di quelli di prima” ma vogliamo sperare che chi c’è adesso ne dia il giusto risalto.


Buon rientro a tutti!

65 visualizzazioni

© 2023 by House of Keto. Proudly created with Wix.com